AVOCADO TOAST

IMG_8906.jpg

I corsi universitari sono al termine e in queste mattine tendo a svegliarmi più tardi, un po’ per la stanchezza accumulata, un po’ perché ne ho semplicemente voglia. Quando mi sveglio quindi non sento più il bisogno del latte caldo con giusto qualcosina da sgranocchiare ma piuttosto di qualcosa di energico che mi faccia partire subito in quarta. L’avocado toast, accompagnato al succo di mirtilli, che provo già da un po’ di tempo sembra essere un’ottima alternativa alla mia classica colazione.

L’avocado è chiamato scientificamente Persea americana, è una specie arborea da frutto che appartiene alla famiglia delle Lauracee, originaria del Messico e del Centro America. È famoso per essere ricco di grassi monoinsaturi, vitamine del gruppo B, vitamina K, potassio, vitamina E e vitamina C che lo rendono un ottimo antiossidante, riduzione del rischio cardiovascolare, aumento del senso di sazietà con conseguente perdita di peso e aumento della fertilità.  Per fare un toast all’avocado è molto semplice: per prima cosa metti a tostare una fetta di pane, solitamente io uso quello integrale e nel frattempo prendi un avocado, lo tagli a metà, gli togli la buccia e lo tagli in tante piccole fettine. Una volta pronto il pane ci stendi con il coltello un po’ di Filadelfia, aggiungi l’avocado e condisci con olio, sale e pepe a piacere.

IMG_8905

Anche il succo di mirtillo, sia rosso che nero, contiene anti ossidanti e aiuta il corpo a rimuovere e ad eliminare il grasso accumulato grazie ai suoi acidi organici. Io ne bevo un bicchiere semplice ma potrebbe essere un’ottima alternativa nei prossimi pomeriggi caldi aggiungere dell’acqua gassata con del ghiaccio per ottenere una bevanda rinfrescante e salutare. Il succo di mirtillo si trova nei super mercati, nel reparto bio o parafarmacia, e nelle erboristerie.

 

 

FIORI ROSA, FIORI DI PESCO

IMG_7399

Marzo è stato un mese davvero pieno, l’università mi ha totalmente surclassato e studiare, prendere appunti, stare in laboratorio sono stati i miei principali pensieri. Speravo in qualche modo di poter dedicare un po’ di tempo a me stessa durante queste vacanze pasquali ma mi sono resa conto che la mole da studiare per i prossimi esami non me lo consente. Questo quindi vuole essere un po’ un post ricetta di cucina, un po’ il mio tipico Nota & Annota, un po’ un auguri per le festività pasquali. Questa torta che ho fatto quest’oggi era totalmente fuori programma ma forse ne avevo mentalmente bisogno; seguo da molto tempo Elena Cito e le sue fantastiche Torte coi Fiori ma non mi era mai passato per la mente cercare di fare una torta simile. Non è facile e ci vuole pazienza, non ché la consapevolezza di poter buttare di sana pianta tutto ciò che si è fatto dopo 4 ore di lavoro. Però di recente mi è piaciuto l’hashtag inventato da lei e da Giulia Pratelli #ilmioritmolento e seguendo quest’onda ho voluto fare un break in tutto e per tutto: studio, impegni, dieta ect tutto fuori e per una mattinata eravamo solo io e la mia torta… beh quasi perché sono dai miei nonni e una volta che mia nonna e mia zia sono venute a sapere che avevo intenzione di fare una torta, la parola solitudine ha assunto un valore più sfuocato del solito. Ma è stato comunque bello, anzi è stato più bello.  Qui dai nonni a Cortona passeremo tutto il periodo pasquale e poi torneremo alla nostra routine di cui il mio unico sollievo è la crema anti occhiaie di Lancôme e la mia ora a settimana di cavallo.

Questa torta mi ha dato qualche ora di ossigeno.

Alessio sarà con noi per Pasquetta e insieme passeremo la giornata ad Arezzo il vedere una delle ultime giornate del Toscana Tour, sperando che sia bel tempo ma non sarà di certo della pioggia primaverile a fermaci!

Ingredienti per il Pan di Spagna: 

  • 4 uova
  • 150g di farina
  • 150g di zucchero
  • 8g di lievito per dolci

Ingredienti per la crema al burro:

  • 250g di burro
  • 500g di zucchero
  • aroma alla vaniglia
  • un bicchierino di latte o un cucchiaio di panna

Procedimento: 

Montare le quattro uova con lo zucchero, aggiungendolo un po’ per volta. Aggiungere poi farina e lievito finché il composto risulta liscio e cremoso. Imburrare una teglia e ricoprirla di farina, aggiungere il Pan di Spagna e infornare il tutto a 180 per circa 30 min.

Il Pan di Spagna è tanto semplice da fare quanto delicato da cuocere, state attenti quindi che il vostro forno non lo bruci sopra e lo lasci crudo sotto ( esperienza personale! ); se dovesse capitare una cosa del genere abbassate la temperatura e prolungata il tempo di cottura.

In una ciotola montare il burro fuso con lo zucchero, aggiungere del colorante a piacere o l’aroma di vaniglia e il latte/panna. La crema dovrà risultare abbastanza cremosa e soda ma lavorabile.

Una volta cotto il Pan di Spagna lasciarlo raffreddare e poi tagliare a metà. Se fosse essersi un po’ cotto sopra potete sempre, ma con estrema attenzione limare la crosta.

Per fare la bagna basta semplicemente scaldare un po’ d’acqua con dello zucchero e poi bagnare il vostro Pan di Spagna. Bisogna bagnarlo non renderlo zuppo altrimenti non sarà più buono.

Una volta bagnato iniziate con la crema a comporre la vostra torta!

IMG_7406

IMG_7407.jpg

Ispirata da Torte coi fiori di Elena anche io ho voluto decorare la mia torta con dei fiori, in questo caso data la stagione con dei fiori di pesco presi di soppiatto dall’albero di Nonna Nazi, la quale mi auguro non storcerà troppo il naso una volta vista la torta!

Era la primissima volta che mi cimentavo su un lavoro del genere e mi auguro che sia venuta buona…

Ora non mi rimane altro che pulire tutta la cucina e tornare a studiare!

 

 

PENNE AI BROCCOLI

IMG_5919

INGREDIENTI:

  • 100 g di penne al farro
  • 200g di broccoli
  • olio extravergine di oliva
  • peperoncino

PROCEDIMENTO:

Mettere al fuoco una pentola d’acqua, aspettare l’ebolizione e infine mettere a cuocere fino a che non risulterà al dente. Bollire i broccoli con un poco d’acqua cercando di stare attenti a non bruciarli e aggiungere eventualmente altra acqua calda quando necessario. Una volta cotta la pasta e bolliti i broccoli unirli mamtecandoli bene con dell’olio extra vergine di oliva e del peperoncino.

È un piatto estremamente semplice e detox ma il broccolo con il giusto mix di olio e peperoncino lo rende un piatto estremamente delicato e di buon gusto.  Per renderlo ancora più interessante si può sempre aggiungere della ricotta o un po’ di panna ma diventerà un piatto un po’ meno light!

IMG_5921

Bon Appétit !

MUFFIN AUTUNNALI

FullSizeRender 2

In piena stagione autunnale l’aria si fa scricchiolante, il cielo si fa di un rosso intenso al tramonto e l’abbigliamento si fa più morbido, confortevole. Quando ho un semplice sabato pomeriggio a casa o una serata libera tutta per me in questa stagione mi piace cucinare  e in particolare modo mi piace impastare, amalgamare e sfornare qualcosa di dolcioso. Questa ricetta l’ho provata di recente e vedendo che in casa ha avuto i suoi dovuti successi, ho pensato fosse cosa buona e giusta condividerla.

→ INGREDIENTI:

  • 83 g di farina di farro integrale
  • 1 bustina di lievito
  • 1 bustina di vanillina
  • 1 uovo
  • 67 ml di latte fresco
  • 27 ml di olio di semi di girasole
  • 66 g di zucchero grezzo di canna
  • 27 g di gocce di cioccolato fondente

→ PROCEDIMENTO: Mettere in una ciotola tutti gli ingredienti secchi come farina, lievito, vanillina, zucchero e gocce; aggiungere poi gli ingredienti liquidi e quindi uova, latte, olio . Amalgamare il tutto il più possibile cercando di mescolare il composto tanto più velocemente quanto in minor tempo possibile: il muffii risulterà più soffice, meno lo mescolate. Infine infornare a 200 gradi a forno statico per una ventina di minuti.

IMG_2034 2

La ricetta è molto, molto semplice e non vi pentirete di averli provati!

 

APPLE PIE DI SETTEMBRE

Snapseed

Settembre è finalmente arrivato!

A di scapito di quel che si possa pensare, viste le temperature, Settembre è davvero uno di noi! Personalmente amo Settembre come se fosse il primo di Gennaio ed effettivamente credo per me sia davvero come il primo dell’anno. Dopo il periodo estivo infatti, ho come l’impressione, al contrario di tutto ciò che in natura ci circonda, di rinascere: le serate si accorciano, l’aria si fa più fresca ( o almeno si spera ) e l’ambiente si colora di sfumature accoglienti. È ufficialmente tornato il periodo dei tea caldi e dalle tisane rilassanti, dei dolcetti e delle torte ripiene… e a proposito di torte ripiene, ho pensato fosse carino inaugurare la stagione autunnale con una bella torta. È settembre, quindi la torta da fare è solo una, la mia preferita: apple pie !

INGREDIENTI:

  • burro 225g
  • farina 00 450g
  • acqua fredda 100g
  • sale q.b
  • mele 1kg
  • limone
  • zucchero 100g
  • cannella q.b
  • noce moscata q.b
  • acqua (due cucchiai)
  • latte intero

PROCEDIMENTO:

Iniziamo con il preparare la base amangamando un una bacinella farina, sale, burro e i 100g di acqua . Una volta amalgamato il composto ed ottenuto un impasto morbido e liscio lasciarlo riposare in frigo per una ventina di minuti. Mentre aspettiamo che l’impasto si raffreddi, si preparano le mele: mettere in una pentola o padella le mele sbucciate e tagliate a dadini, zucchero, cannella, noce moscata e un pezzettino di scorsa di limone. Far rosolare le mele tanto da renderle morbide fuori ma ancora durelle dentro. Passati i 20 min., riprendere l’impatto è prepararlo per creare la base della torta: dividerlo in due porzioni, una più piccola e una leggermente più grande. Stendere per prima quella più piccola e creare la base da mettere sulla teglia già imburrata a dovere, aggiungere le mele semi cotte e infine stenderci sopra la seconda porzione d’impasto cercando di stenderlo troppo fine altrimenti si rischia di romperlo.

Una volta creato il “fagotto” tagliare il superfluo e chiudere la torta con dei leggeri pizzicotti ai lati. Creare dei buchi o come una stella al centro per far prendere aria alla torta e se avete della pasta in accesso creare un bordo per contornare la torta o farci delle decorazioni sopra.

Infine spennellare  sopra la torta con del latte e infornare alle seguenti temperature 170, 150 e 120 gradi per 10 minuti. Ogni 10 min. tirare fuori il dolce e spennellare nuovamente un po’ di latte.

SnapseedIMG_1559

Ecco qua il mio risultato, niente di eclatante ma vi assicuro che era davvero buona !

KANELBULLE

Full1

Pasqua è finita e con se sembra essersi portata via anche il bel tempo. Qui dove abito infatti, è da giorni che abbiamo giornate poco soleggiate e le temperature sono precipitosamente calate.

Quando questa mattina sono uscita di casa c’erano ben 4 gradi !!!

Una volta al calduccio quindi ho pensato di godermi queste quasi finite vacanze pasquali, almeno per me che sono ancora aihmè una studentessa, cimentandomi in una ricetta Svedese che era da un po’ di tempo che mi frullava in testa: Kanelbulle.

Il Kanelbulle o Cinnamon Rolls come è stato successivamente ribattezzato in America, è un dolce nato in Svezia negli anni venti del XX secolo, diffuso come dolce da colazione o dessert in nord Europa e in America. In Svezia è particolarmente popolare e viene spesso consumato nella fika, la tradizionale pausa caffè con il dolce. Non è un dolce cosi banale come sembra e necessità di una mano attenta sia alle tempistiche che all’impasto stesso.

Ingredienti per l’impasto:

– Zucchero 60 gr
– Sale fino 5 gr.
– Farina “00” 615 gr
– Lievito di birra secco 5 gr.
– Burro 80 gr.
– Acqua a temperatura ambiente 120 gr.
– Uova 1
– Latte 120 gr.

Ingredienti per aromatizzare:

– Zucchero 110 gr.
– Cannella 15 gr.
– Burro q.b

Per glassare:

– Zucchero a velo: 200 gr.
– Acqua a temperatura ambiente q.b

Preparazione:

Versare in una ciotola tutti gli ingredienti secchi ed in una tutti quelli liquidi compreso l’uovo ma escludendo il burro; unirli poi successivamente insieme al burro andando a formare un composto simile alla pasta frolla.
L’impasto prima di esser lavorato va fatto riposare per 30 min a temperatura ambiente e riporta da pellicola.
Una volta passato il tempo, lo si lavora andando a formare un grande quadrato spesso giusto 1 cm o anche meno.
La pasta viene, a questo punto, aromatizzata. L’aroma consiste essenzialmente nell’unire la cannella con lo zucchero e poi di spargerla in tutta la pasta facendolo aderire tramite il burro che verrà sparso sulla pasta prima che questa venga aromatizzata.
A questo punto la pasta va fatta rotolare cercando di non creare pieghe e fissata in modo che non si apra.
Tagliata in tante girelle viene posizionata in una teglia buratta e cosparsa di aroma.
Prima di mettere il dolce in forno va ancora una volta fatto riposare per 30 min. sempre a temperatura ambiente; passato il tempo di riposo, infine va infornato a 180 gradi in forno statico per altri 30 min.

Per finire in bellezza, dare un tocco di glassa a dolce freddo. La glassa si fa unendo semplicemente dello zucchero a velo con l’acqua fintanto che si ottiene una sostanza abbastanza liquida.

E insomma, njuta av din måltid !

CROSTATINE ALLA MARMELLATA

Processed with VSCO with m5 preset
Processed with VSCO with m5 preset

Finalmente ho avuto un po’ di tempo per mettere di nuovo le mani nella pasta frolla, non che il periodo esami sia finito ma almeno per ieri ho voluto mettere da parte i libri e gli appunti per una mattinata. Considerando che siamo vicini alla feste degli innamorati ho pensato di fare delle mini crostate a tema ma non avendo nessuna formina ho dovuto tirare fuori tutta quella manualità che per natura non ho …

La ricetta in realtà per chi ha una minima dimestichezza con la pasticceria è di una banalità imbarazzante perché si tratta semplicemente di preparare la pasta frolla e di lavorarla con creatività. Inoltre è possibile farla quando in assenza di una quantità consistente degli ingredienti non possiamo fare una vera torta.

Ingredienti: 

  • 1 uovo
  • 20 g di burro
  • 16,6 g di latte
  • 50 g di zucchero
  • 100 g di farina
  • 2- 3 cucchiai da dessert di lievito

Preparazione: 

Unire l’uovo, il burro e lo zucchero e amalgamarlo insieme.  Aggiungere il composto in un vulcano di farina con il lievito e lavorarlo a mano piano piano infine, una volta preparata la pasta, riporla in frigo per almeno un’ora. Più sta ferma meglio è… Passato il tempo da riposo è giunta l’ora di tirare fuori la creatività! Infine il tutto informo per 10-15 min, dipende dal vostro forno, statico e a 170 gradi.

IMG_6194.jpg