♂ IDEE REGALO NATALE

Ho sempre pensato che fare un regalo ad un uomo fosse molto più facile ed economico rispetto al fare un regalo ad una donna ma questa mia fausta illusione è andata sempre più a sciamare in questi anni che sto con Alessio. Non sono ancora ben riuscita a capire se sia per Ale, per me o per la categoria in se ma sta di fatto che trovo estrema difficoltà nel fare un regalo ad Alessio. O forse a pensarci in realtà sarebbe molto molto facile se io avessi a disposizione i soldi per regalargli un cavallo 🤦🏼‍♀️

Discostandoci per il momento da Alessio, pensiamo piuttosto a quella categoria di uomini per i quali fare un regalo non sembra risultare il dilemma del secolo; mi riferisco ai nostri fratelli, cugini o padri ma anche fidanzati ( Alessio escluso ovviamente). La mia lista potrà risultare banale ma a me piace rimanere sul classico, per ciò vediamo:

tumblr_p0557jTvNm1tbcjeao1_1280

  1. Felpa O/& Pile : la maggior parte degli uomini che conosco passerebbero la loro vita in pigiama se potessero, per questo credo che una felpa o un pile sarebbe un regalo decisamente gradito. La Patagonia, la marca che in assoluto preferisco, offre dei buoni prodotti che variano dal casual a dei capi un po’ più tecnici. Altro brand può essere la North Face o, in base al vostro budget, potreste fare un giro alla Decathlon e di sicuro non rimarrete delusi.
  2. Calzini : cosa avevamo detto a proposito dei calzini?! che non sono mai abbastanza, esatto! perciò sbizzarritevi !!!
  3. Portafoglio & Porta monete : questo potrebbe essere davvero un bel regalo se fatto nel modo giusto. In primis ce ne sono di svariati brand, tutti molto belli, quindi mi azzardo a scrivere che una marca vale l’altra anche se ovviamente non è cosi; il punto focale quando si fa un regalo del genere è che deve risultare davvero utile quindi sconsiglierei vivamente di comprare un portafoglio a una persona che per esempio tiene ad avere con se le sue monetine o ancora un portafoglio senza scompartimenti per eventuali carte e documenti. Usiamo la testa quando facciamo un regalo!
  4. Profumo : il profumo è sempre una cosa molto delicata e richiede una conoscenza della persona a cui vorreste regalarlo abbastanza approfondita. Il mio consiglio è quello di non sottovalutare la delicatezza che necessita un regalo del genere.
  5. Cappellino : prima o poi ad Ale toccherà un mio cappellino di lana, su questo non ci piove; in ogni caso un cappellino fa sempre piacere l’importante è non scegliere colori assurdi ed importabili e anche se è piuttosto scontato che vige la regola “de gustibus” (vogliate farvi ricordare che il gusto deve accontentare il destinatario e non il mittente). Fra i cappellini abbiamo Adidas , Zara  , Mango , Jack&Jones  e molti altri ancora che potrebbero fare al caso vostro…

♀ IDEE REGALO NATALE

Attachment-1

La ricerca dei regalo perfetto per l’amica, mamma o fidanzata è ancora in corso e con il Black Friday è il caso proprio di guardarsi intorno per cercare di acquistare qualcosa di prezioso.

Tra i possibili regali, i più appetibili e decisamente intramontabili sono:

  1. Crema per le mani : ogni donna desidera delle mani curate e morbide ma spesso nella vita di tutti i giorni con il freddo, le faccende di casa e i lavori fuori è difficile; per questo regalare una buona crema per le mani potrebbe essere un regalo molto gradito. Come ho già ripetuto in un precedente post ( № 1 OUTFIT : STARE COMODI IN CASA ) la mia crema preferita è proprio quella dell’Aësop ma molto buone sono anche quelle che offre la linea Aveeno
  2. Fermaglio per capelli :  tra i tanti motivi per cui una donna si guarda allo specchio, i capelli ricoprono l’80 % e avere un fermaglio per tenerli in ordine quando si studia o si lavora è decisamente la cosa migliore anche per evitare che si sciupino. Un fermaglio però deve appagare, oltre che ovviamente il gusto personale del destinatario, anche l’utilità perciò non regalate la prima moletta carina che vi capita tra le mani ma pensate ai capelli della persona a cui state facendo il regalo: se sono ricci, lisci, crespi, folti o fini e pochi. In base al capello, ci sarà un fermaglio diverso e voi dovete cercare quello che fa al caso vostro.
  3. Candela : specialmente per cui tiene alla sua camera o casa, avere un’accessorio che la impreziosisca e la profumi allo stesso tempo è un regalo delicato e di buon gusto da ricevere. Le candele più belle, a mio avviso, sono le Jo Malone London  , Yankee Candle e Diptyque Paris  ma sono anche molto costose per questo Ikea offre delle alternative valide per tutti i gusti.
  4. Calze & Calzini : la regola è che di calze e calzini non se ne ha mai abbastanza, in più durante le feste le fantasie vanno decisamente oltre l’immaginazione per questo  è decisamente il regalo più simpatico che potreste fare.
  5. Cappellino  : sinceramente è un po’ il mio cavallo di battaglia come regalo, visto che negli anni mi sono perfezionata nel farli di lana ma la moda quest’anno vuole che sia il basco francese a dettare legge per questo se la vostra idea era quella di fare un cappellino, forse sarebbe meglio regalare un basco ma nessuno vi vieta di optare per il classico cappellino natalizio.

✄ DYI DECORAZIONI NATALE

Si dice che chi inizia a decorare casa in anticipo per Natale, sia una persona felice ma a me piace seguire la tradizione e anche se ho le mani che pizzicano dall’impazienza, aspetto l’8 Dicembre. Se anche voi siete come me avete, ancora del tempo per girare e cercare qualche altra decorazione da aggiungere all’albero o in alternativa, farne una proprio con le vostre mani.

Proprio l’altro giorno infatti, mentre stavo studiando, mi sono incantata nella direzione delle coccarde che Alessio ha vinto nelle varie gare e mi si è accesa una lampadina proprio come si vede nei fumetti di topolino. Sono passata ieri in merceria, ho fatto i miei acquisti e poi mi sono cimentata nell’impresa.

Sono stata più che sufficientemente soddisfatta del risultato, tanto che ho deciso di condividere con voi l’esperienza:

Come in una puntata di Art Attack quindi, questo è ciò di cui abbiamo bisogno:

IMG_3562

L’idea è quella di fare delle palline di natale utilizzando come base le pigne e decorarle con dei fiocchi e decorazioni. I fiocchi ovviamente si possono anche già trovar fatti, e di certo ognuno di voi sarà libero di scegliere quel che più le aggrada ma secondo me comprare le cose già fatte per poi semplicemente assemblarle insieme, toglie un po’ il divertimento.

✄ Procedimento:

  1. tagliate due pezzetti del nastro, cercando di fare attenzione a non rovinarlo: uno per fare la base lunga e un’altra per fare il fiocco.
  2. prendete uno dei due pezzetti e provate a piegarlo in due in modo da cercare la giusta dimensione che volete dare al nastro che scivola sotto il fiocco; una volta trovata fissatela e rifinite i bordi piegandoli e incollandoli cosi ché non ci siano fili svolazzanti.
  3. Per fare il fiocco basta il pezzetto di nastro rimasto che avete tagliato precedentemente e chiuderlo, andando cosi a formare un cerchietto per poi infine fissarlo con la colla al centro dandogli la forma del fiocco. IMG_3563
  4. creare un secondo fiocchetto da mettere davanti a quello grande
  5. fissateli l’uno su l’altro
  6. applicate la decorazione natalizia

Il procedimento è davvero molto semplice anche se non facile; ogni step richiede molta precisione e il rischio di incollarsi le mani è piuttosto alto ma la soddisfazione di aver creato qualcosa è decisamente molto appagante. I fiocchi in realtà , una volta creati possono essere applicati un po’ ovunque per creare una spilla a tema da regalare o applicare in un vostro maglione, da applicare come decorazioni ai vostri regali ect.. Le stesse pigne non necessariamente devono essere utilizzate per decorare l’albero ma anche per ornare casa.

Ecco qua le mie due decorazioni

 

Ora è il vostro turno!

♘ IDEE REGALO NATALE

tumblr_ozmc9vPk3j1tbcjeao1_1280

 

Ed eccoci qua, a dover fare i conti con il nostro piccolo budget e di avere fra la lista di quelli a cui vorreste fare un regalo,  qualcuno che monta a cavallo. Il consiglio migliore che sinceramente darei sarebbe quello di ignorare la cosa e di regalare tutt’altro ma se c’è qualcuno la fuori tanto temerario da rischiare di rimanere al verde ecco qua qualche idea:

  1. COPERTA DA BOX/PADDOCK: è un regalo importante (molto costoso) e molto, molto ma molto personale. Bisogna sapere in primis la taglia del cavallo e conoscerlo abbastanza bene da sapere se è il genere di cavallo che suda molto o no, se viene regolarmente tosato o meno. In base a queste varianti il tipo di coperta cambia e credetemi la differenza è importante perché i cavalli sono animali delicati e coprirli in modo sbagliato potrebbe esser uno svantaggio piuttosto che un vantaggio. Di marchi ce ne sono molte, tra le più buone abbiamo: Fix design, Umbria Equitazione, Cavalleria Toscana , Equiline e Horseware
  2. CALZINI, ovviamente questo è per il cavaliere e non per il cavallo. La regola è che di calzature da equitazione non se ne ha mai abbastanza. Molti, ed io in primis, spesso monto con calzature non appropriate come dei semplici calzini lunghi, in realtà montare con un calzino tecnico è molto importante per la circolazione sanguigna delle nostre gambe e di conseguenza la loro sensibilità, essenziale nella disciplina.Di marche qui ce ne sono davvero molte anche se la qualità, a mio parere, indiscussa è possibile trovarla sempre nelle stesse marche che ho elencato per le coperte.
  3. STIVALI DA PIOGGIA, tutti quelli dell’ambiente sanno, ma anche chi non è pratico, può benissimo immaginare, quanto degli stivali da equitazione fatti su misura e in pelle siano delicati. Oggi, molti stivaletti con ghette o anche stivali si sono perfezionati e sono molto più resistenti ma la vita di maneggio ( mi permettiate di sottolineare “da maneggio” e non da gara o le ore in sella) è dura e spesso e parecchio scomoda; ci si trova di fronte a fango, erba bagnata, campo polveroso ect… tutte condizioni davvero poco favorevoli per gli stivali in pelle. Il mio consiglio quindi sono gli stivali da pioggia, e in particolare modo gli Hunter Boots. La scelta è davvero per tutti i gusti oltre ad esser comodi sono dotati anche di possibile rivestimenti contro il freddo.
  4. GUANTI, i quanti sono un po’ un tallone d’Achille e in base a chi dovete fare il regalo può esser più o meno gradito. I guanti infatti riparano dal freddo e prevengono i calli alle mani ma possono essere poco pratici per le mansioni nella vita di maneggio e soprattutto tolgono sensibilità del contatto con la bocca del cavallo al cavaliere. Fareste meglio a chiedere prima che il vostro regalo sia riciclato a qualcun altro… Le marche migliori sono sempre, a mo avviso, le stesse della coperta e dei calzini.
  5. CATRAME; la principale funzione del catrame è quella di creare una barriera protettiva tra lo zoccolo e il resto (tipo terreno,fango ma di solito i suoi stessi escrementi) evitando che si inumidisca troppo,si sporchi troppo e crei effetti a ventosa inoltre gli dona un bell’aspetto e lo rende più resistente. Fare un regalo del genere vi aiuterà decisamente a fare colpo perché è un regalo intelligente e molto molto utile.
  6. BISCOTTI, per chi non si volesse sbilanciare ma desidera fare un regalo a tema, forse il miglior regalo in assoluto sono dei biscotti per i cavalli. Si possono facilmente trovare in ogni negozio apposito e solitamente fra di loro non c’è tutta questa differenza. Per evitare ogni tipo di problema però io chiedere a qualcuno di competenza e andrei a comprare i biscotti più semplici e meno particolari possibile: il cavallo è un animale molto delicato e a nessuno farebbe piacere che dei semplici biscotti regalategli per Natale in realtà gli abbiano fatto un po’ male.
Buone Spese!

 

P.S : tra poco ci sarà il Black Friday, io se fossi in voi darei un’occhiata di qualche buon sconto in merito per fare un buon regalo ma senza necessariamente rimanere senza un soldo!

☞ LE BUONE MANIERE A TAVOLA

Le feste si stanno avvicinando e anche i pranzi e le cene che il giro vita aspetta impaziente dalla Pasqua dell’anno scorso … per quelle magre, per me in realtà viene appagato tutto l’anno !!!

Devo confessare che a discapito di tutto e di tutti non sono un’ amante delle feste perché il chiacchiericcio, la musica e la moltitudine di persone che mi circondano mi creano un forte disagio e più che socializzare ed esser parte del momento tendo a chiudermi in me stessa in un religioso silenzio sentendomi totalmente fuori luogo.

La nostra tuttavia è sempre stata una piccola famiglia, al contrario di quella di Alessio per esempio, che quando ci riuniamo con loro gli intimi sono solo 70. Si non avete letto male, gli intimi sono solo 70 !!! E se vi state chiedendo come io faccia a mantenere un comportamento idoneo la risposta è che vado semplicemente alle feste più importanti per il momento boicottando di sana pianta compleanni e feste non strettamente necessari… possibile in un futuro riesca a scappare anche a quelle! ( Shhh, che non scappi detto con la mamma di Ale anche se ormai ha imparato a conoscermi ♥)

Ogni cosa ha però il suo lato positivo e allora se quello che a tutti piace delle feste è effettivamente il goderle a me piace invece preparare: apparecchiare, decorare, cucinare… Insomma a me piace come sempre stare “dietro le quinte”. Di recente poi ho trovato su Pinterest questa fantastica immagine che spiegava in maniera abbastanza completa ma per niente noiosa quelle regole di good manners da tenere una volta seduti e come poter imbandire la tavola cosi ho deciso di condividerla.


Bon Ton


Come avete potuto vedere, l’immagine è delle più esaurienti ma una cosa di cui non fa menzione è come disporre in maniere più precisa il tovagliolo ma a questo posso provvedere io stessa considerando che è una delle poche cose che so già di mio.

Il tovagliolo si ripone:

  • sopra il piatto per una cena di gala ( di fatti io non l’ho mai visto davanti a un mio piatto!)
  • a destra del piatto per un pranzo/cena normali
  • a sinistra del piatto se i commensali si siedono a tavola dopo che l’antipasto è stato servito

E infine ma non di meno importanza, sarebbe opportuno sapere anche come disporre i propri invitati a tavola in modo che tutti siano contenti:

  • a capo tavola, da entrambi i lati del tavolo vanno i padroni di casa
  • subito accanto ai padroni di casa, da entrambi i lati, vanno a sedere le persone più importanti. o considerati tali
  • nel mezzo i restanti invita stando attenti ovviamente ad eventuali simpatico/ antipatie

Ed ora tutti a tavola!

TIC, TAC … È GIA L’ORA DEI REGALI!

nmb

Ancora non siamo a Dicembre ma Natale può considerarsi in ogni caso alle porte, motivo per cui è importante cercare di organizzarsi il più possibile affinché tutto sia perfetto. Sfido a trovare qualcuno che il Natale non piace, è forse si possibile che l’Inverno non stia molto simpatico come stagione ma il Natale è il Natale e deve piacere a tutti.

Natale è sinonimo di tante cose: alberi decorati, neve, le cioccolate calde, tea e tisane, minestroni e ogni tipo di piatto caldo ect… Ciò che però contraddistingue di più il Natale da tutte le altre feste sono i regali.

Fare regali e nello specifico fare dei bei regali non è cosa facile, per lo meno per me, per questo in questi anni mi sono sempre stilata una lista per organizzarmi al meglio. Quest’anno ho voluto personalizzare la cosa creando questa LISTA REGALI DI NATALE provveduta di una semplicissima tabella e suddivisa in :

  • destinatario, ossia a chi fare il regalo
  • idea, ossia il tema del regalo che potrebbe essere per esempio un qualcosa per l’equitazione, un prodotto beauty, un vestiario ect
  • budget, l’effettivo importo che si ha a disposizione per quella persona o totale
  • il regalo, ossia con precisione l’oggetto del regalo
  • note, per eventualmente aggiungere delle piccole annotazioni

Io ho già iniziato a buttare giù qualche idea, e voi ?!

 

 

3 REGOLE PER LA ZUCCA PERFETTA

fullsizerender2.jpg

Siamo al 29 di Ottobre quindi Halloween è praticamente alle porte e ormai quasi tutti hanno comprato la propria zucca o addirittura si sono ad operati per intagliarla.

FullSizeRender1Molti non sanno che Halloween, prima di diventare una delle più famose e purtroppo anche troppo commercializzate feste internazionali, era una tipica festa nata in Irlanda. In origine, le civiltà celtiche festeggiavano la festa di Samuin che in irlandese significa “la fine dell’estate”. Con le successive invasioni e conquiste, la festività assume una nota più decisamente cristiana e difatti il nome Halloween o per meglio dire “All Hallows’ Eve” significa “notte di tutti gli spiriti sacri” . Da qui si aggiungono le molteplici storie che con i secoli la tradizione si porta dietro tra cui la storia di Jack, un fabbro irlandese tanto furbo quanto ubriacone. A causa del suo stato d’ebbrezza, la sua anima era quasi nelle mani del demonio, ma Jack chiese al demonio di trasformarsi in una moneta promettendogli la sua anima in cambio di un’ultima bevuta. Mise poi il diavolo nel suo borsello, accanto ad una croce d’argento, cosicché egli non potesse ritrasformarsi. Per liberarsi il diavolo gli promise che non si sarebbe preso la sua anima nei successivi dieci anni e Jack lo lasciò andare. Passato il tempo pattito, il diavolo si presentò nuovamente e questa volta Jack gli chiese di raccogliere una mela da un albero prima di prendersi la sua anima. Per impedire che il diavolo scendesse dal ramo, il Jack incise una croce sul tronco. Soltanto dopo un lungo battibecco i due giunsero ad un compromesso: in cambio della libertà, il diavolo avrebbe dovuto risparmiare la dannazione eterna a Jack. Una volta giunto alla morte, fu rifiutato dal paradiso e presentatosi all’Inferno, venne scacciato dal diavolo che gli ricordò il patto, ben felice di lasciarlo errare come anima tormentata. All’osservazione che era freddo e buio, il diavolo gli tirò un tizzone ardente, che Jack posizionò all’interno di una rapa che aveva con sé. Cominciò da quel momento a vagare senza tregua alla ricerca di un luogo in cui riposarsi. Come la storia dice, non una zucca ma bersi una rapa; la zucca fu introdotta solo secoli dopo in America dove poi è diventata commercialmente il simbolo della festa di Halloween.

Aldilà di quello che poteva meritarsi o meno jack, per ogni amante della festa è importante che la zucca venga ben fatta e quindi ecco tre semplici suggerimenti:

  1. Evitare di comprare una zucca troppa grande per molteplici motivi tra cui il fatto che una zucca troppo grande vi sarà più difficile tagliarla perché molto spessa e soprattutto richiede molto tempo per pulirla
  2. Usare il giusto coltello; quello che forse può risultare il più comodo da usare è un coltellino liscio e molto affilato. Cercate di evitare i coltelli seghettati perché scorrono difficilmente lungo i bordi della zucca e vi faranno fare delle incisioni poco precise.
  3. Per mantenere la zucca potete utilizzare uno strato di vaselina per ricoprire le zone intagliate così da impedire la formazione di muffe, tuttavia non durerà più di qualche giorno motivo per cui sarebbe meglio farla come da tradizione il pomeriggio della notte di Halloween o giusto il giorno prima.

FullSizeRender

Solitamente io e Alessio ci adoperiamo a fare la zucca nel pomeriggio del 31, come ogni anno, per cui state sintonizzati nel nostro Instagram per vedere cosa combiniamo!